La Valfiorita

 

la valfiorita

La motonave Valfiorita nave mercantile di 6.200 tonnellate lunga 110 m, costruita per uso commerciale e riconvertita per uso militare durante la seconda guerra mondiale al trasporto di munizioni e automezzi militari per rifornire le truppe Italiane.

In particolare venne adibita al trasporto di automezzi, attrezzature e munizioni per il rifornimento delle truppe italiane impegnate nel conflitto mondiale. La nave fu affondata l'8 luglio 1943 durante la navigazione tra Messina e Palermo, dal sommergibile britannico HMS Ultor, che la colpi con un siluro nella zona di prua. Il comandante della Valfiorita cercò di puntare verso terra per mettere in salvo la nave, ma il danno provocato dal siluro fu così devastante che il troncone di prua si staccò dal resto della struttura, provocando il repentino affondamento.

La nave Valfiorita giace tuttora di fronte l'abitato di Mortelle, in provincia di Messina, ad una profondità compresa tra i 55 ed i 70 metri, in perfetto assetto di navigazione e conserva ancora il suo ultimo carico costituito da camion, autovetture e motocicli dell'epoca.

Considerato il "Thistlegorm" del Mediterraneo per la sua imponenza e le stive piene di auto, camion e moto.

la valfiorita1 la valfiorita2 la valfiorita3 la valfiorita4       

Si tratta indiscutibilmente di uno dei più bei relitti del mar Mediterraneo, adatto a subacquei esperti amanti delle immersioni tecniche: la presenza delle correnti tipiche dello Stretto di Messina, l'elevata profondità e la sua stazza ne fanno una dei traguardi più ambiti dai subacquei tecnici.